I sogni oltre il mare

Intervista a cura di Roberto Calvino

 

                Le tue opere sono approdate a Genova, al Museo del Mare. Un caso, una coincidenza, o qualcosa di diverso?

                Direi una logica conseguenza.

                Puoi spiegare meglio?

                I miei lavori sono conosciuti soprattutto negli Stati Uniti, in modo particolare a New York, più che in Italia. Ma Genova e il suo porto sono i luoghi da dove sono partite le navi alla scoperta del nuovo mondo; anch’ io ho percorso quelle rotte, ma ora ritorno e ad accogliermi c’è un meraviglioso museo dedicato al mare.

                Come mai operi prevalentemente negli Usa?

                Ho iniziato anni fa a esporre insieme ad altri artisti a New York. I miei quadri sono stati immediatamente notati per le loro caratteristiche e apprezzati da personaggi che hanno lasciato un segno importante nel mondo dell’arte.

                Da chi, per esempio?

                Da Stan Lee, presidente e direttore editoriale (Editor in Chief) della casa editrice di fumetti Marvel Comics. È una lunga storia, che ora non è il caso di raccontare. Fatto sta che un giorno  ho ricevuto da Stan Lee una foto che lo ritrae vicino a una mia opera. Gli era davvero piaciuta e ha voluto personalmente congratularsi con me. Poiché i fumetti sono al centro della mia creazione artistica, capirai quale importanza per me ha questo riconoscimento.

                Come ti rapporti al mondo dei fumetti?

                In modo complesso. Come in un ready made,  mi approprio dell’ immagine di un fumetto, la decontestualizzo, la scompongo per poi ricomporla con i polimeri e riproporla in un contesto radicalmente diverso da quello originario.

                Che tecnica usi per ricomporre con i polimeri l’immagine del fumetto?

                Quella del mosaico moderno. Utilizzo i polimeri come se fossero piccole tessere. I polimeri hanno una forma cilindrica di minuscole dimensioni e  sono sintetizzati in laboratorio. Vengono in genere utilizzati per la produzione di materie plastiche. 

                Perché tra tutti i materiali a disposizione hai scelto proprio i polimeri?

                Per una serie di ragioni. Della plastica si ha in genere un’idea negativa, è un materiale considerato da molti vile con un’ impressionante capacità di inquinamento. Ma non sempre è così per tante ragioni.  Tra l’altro, con la plastica si possono realizzare opere d’arte. Da questo punto di vista, mi sento come il prosecutore  di quel movimento nato tra gli anni sessanta e settanta denominato “Polimero arte”, che ebbe la sua massima visibilità al festival dei due mondi a Spoleto e che aveva come fine il nobilitare questo materiale. Non a caso al Map di Castiglione Olona (Museo di Arti Plastiche) accanto alle realizzazioni di quegli artisti, alcuni dei quali fondamentali per la storia dell’arte del Novecento, c’è anche un mio quadro.

                Hai detto che i tuoi fumetti agiscono in contesti radicalmente diversi da quelli originari.  Puoi spiegarci meglio come operi e come costruisci questi nuovi contesti?

                Intonaco una tela e attraverso l’uso della tecnica computerizzata dell’aereografo, stampo l’immagine del contesto in cui interagirà il personaggio del fumetto. La scelta del contesto è dettata dal senso che voglio imprimere all’opera. Poi lavoro con la logica della contrapposizione: definito (il fumetto)/indefinito (il contesto), passato/presente,  realtà/fantasia,  luce che viene riflessa (polimeri)/luce che viene assorbita (tela intonacata).

                Per assemblare quei minuscoli polimeri ci vorrà molto tempo

                Non solo molto tempo, ma anche infinita pazienza. È comunque un lavoro che mi ripaga della fatica che serve per realizzarlo.

                Ora che sei approdato a Genova, ritornerai di nuovo negli Usa o hai anche qualche progetto in Italia?

                Entrambe le cose. Negli Usa sto organizzando un evento di una certa importanza, ma non voglio palarne, perché in fase di realizzazione. In Italia collaboro con la fondazione Ambrosetti. Penso che dopo questa mostra ne seguiranno altre… 

Translate »
We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Who we are

Suggested text: Our website address is: https://www.robertocarullo.com.

Comments

Suggested text: When visitors leave comments on the site we collect the data shown in the comments form, and also the visitor’s IP address and browser user agent string to help spam detection.

An anonymized string created from your email address (also called a hash) may be provided to the Gravatar service to see if you are using it. The Gravatar service privacy policy is available here: https://automattic.com/privacy/. After approval of your comment, your profile picture is visible to the public in the context of your comment.

Media

Suggested text: If you upload images to the website, you should avoid uploading images with embedded location data (EXIF GPS) included. Visitors to the website can download and extract any location data from images on the website.

Cookies

Suggested text: If you leave a comment on our site you may opt-in to saving your name, email address and website in cookies. These are for your convenience so that you do not have to fill in your details again when you leave another comment. These cookies will last for one year.

If you visit our login page, we will set a temporary cookie to determine if your browser accepts cookies. This cookie contains no personal data and is discarded when you close your browser.

When you log in, we will also set up several cookies to save your login information and your screen display choices. Login cookies last for two days, and screen options cookies last for a year. If you select "Remember Me", your login will persist for two weeks. If you log out of your account, the login cookies will be removed.

If you edit or publish an article, an additional cookie will be saved in your browser. This cookie includes no personal data and simply indicates the post ID of the article you just edited. It expires after 1 day.

Embedded content from other websites

Suggested text: Articles on this site may include embedded content (e.g. videos, images, articles, etc.). Embedded content from other websites behaves in the exact same way as if the visitor has visited the other website.

These websites may collect data about you, use cookies, embed additional third-party tracking, and monitor your interaction with that embedded content, including tracking your interaction with the embedded content if you have an account and are logged in to that website.

Who we share your data with

Suggested text: If you request a password reset, your IP address will be included in the reset email.

How long we retain your data

Suggested text: If you leave a comment, the comment and its metadata are retained indefinitely. This is so we can recognize and approve any follow-up comments automatically instead of holding them in a moderation queue.

For users that register on our website (if any), we also store the personal information they provide in their user profile. All users can see, edit, or delete their personal information at any time (except they cannot change their username). Website administrators can also see and edit that information.

What rights you have over your data

Suggested text: If you have an account on this site, or have left comments, you can request to receive an exported file of the personal data we hold about you, including any data you have provided to us. You can also request that we erase any personal data we hold about you. This does not include any data we are obliged to keep for administrative, legal, or security purposes.

Where your data is sent

Suggested text: Visitor comments may be checked through an automated spam detection service.

Save settings
Cookies settings